Una storia per sorridere.

 

Ciao bambini, ancora una volta i nostri amici clown dell’associazione Vip Perugia hanno preparato per noi una storiella davvero fantastica.

La storia di Giulio Coniglio e la macchiolina rossa

Un piccolo puntino rosso, una pallina, oppure.. perché no, un naso rosso.

“Il naso rosso?” direte voi. Sì, proprio come quello dei clown.

Che sorrisi… che emozioni…

Tanti pensieri felici.

E il vostro? …qual è il vostro pensiero felice?

Ascoltiamola insieme e, dopo, facciamo un bel disegno.

Buon lavoro.

Tirocinio presso la Scuola dell’Infanzia

  • Scienze della Formazione Primaria, Università degli studi di Perugia”

“Per ogni Studente le ore passate nella scuola dell’infanzia rappresentano il banco di prova della sua traiettoria formativa, lungo un itinerario di crescita personale e professionale

MOTIVAZIONI

Le attività di tirocinio nella Scuola dell’Infanzia hanno la funzione di favorire l’integrazione tra le conoscenze teoriche in via di acquisizione nel corso di studi e la pratica professionale.

Il tirocinante ha la possibilità di sperimentare modi diversi di elaborare le proprie conoscenze avendo l’oppurtunità di integrarle e confrontarle con personale qualificato direttamente in aula, a contatto diretto con il contesto scolastico come ambiente educativo, formativo e relazionale.

PASSIONE e COMPETENZA il nostro impegno per formare gli insegnanti del Futuro

FINALITA’ Formare un professionista competente e consapevole del suo “sapere didattico”, pronto alla formazione continua per essere disponibile al cambiamento.

Organizzazione

Il percorso del tirocinio per l’insegnante in formazione prevede  attività articolate in due momenti fra loro strettamente integrati: tirocinio diretto, nella istituzione scolastica, in rapporto con l’insegnante tutor, e indiretto, di riflessione sull’esperienza.

Esso si  svilupperà in due fasi:

  • una prima di carattere osservativo-riflessivo;
  • una seconda di tipo collaborativo-operativo.

ATTIVITA

La tirocinante Erica Dorilli, vista la significativa esperienza nella Scuola in OSPEDALE del nostro Istituto, voleva provare a trattare, anche con i più piccini, un argomento delicato come la malattia.

Per poter sviluppare in maniera comprensibile e giocosa questo argomento abbiamo utilizzato una lettura.

Cosa fanno i dinosauri quando hanno il raffreddore

Tutti noi durante la nostra vita facciamo esperienza della malattia, anche i bambini, ma mentre noi riusciamo a comprenderla, loro trovano più difficoltà e cercano di rispondere ai loro interrogativi utilizzando l’immaginazione e la fantasia…

    quale miglior strumento di una storia per parlarne!?!?!?

 

Tale testo è stato successivamente discusso e ampliato seguendo le richieste dei bambini in “circle time”.

In coerenza del “Fare quindi Imparo” abbiamo realizzato insieme maschere e vestiti che riportano alla storia.

I Bambini sono diventati così strumenti attivi per la migliore comprensione del concetto.

Drammatizzazione della storia

Riflessione… dopo aver visto i virus e batteri alla Lim🦠👀

“Che strani che sono”👩‍🦰

” hanno delle forme buffe”🧑

“sono senza faccia”👦

“SEMBRANO MARZIANI”👧

la maestra dice che i virus sono  birichini“🧑

Poi arriva……

…..COVID19…..


Questo cattivone ci ha fatto rimanere a casa!!!

Ma noi abbiamo continuato con le maestre a vederci e fare attività!!!!

Dove eravamo rimasti!!!

I Dinosauri e il virus…..attività svolta in Sez C

Il cambiamento determinato dal coronavirus, anche nella scuola, ha avuto un impatto molto forte sulla quotidianità che ha reso tutti più fragili, ansiosi e apprensivi.

Nel nostro “piccolo”  i bambini della scuola dell’infanzia “Stella polare” dell’Istituto Comprensivo “Perugia5”, sotto la guida del DIRIGENTE,  delle  Insegnanti e con la fattiva collaborazione domestica dei loro Genitori, hanno dato un’eccellente dimostrazione di come si possa fare scuola anche al di fuori dell’ambiente consueto, tanto da garantire ai bambini una continuità dell’esperienza educativa, seppure condotta in forme diverse.

Con un approccio alla didattica digitale che sponsorizza l’innovazione tecnologica senza sminuire la centralità dell’insegnante.

L’attivita di tirocinio è continuata usufruendo di tali forme didattiche.

ATTIVITA’

La tirocinante Lucrezia Segazzi collaborando con la Sez C, ha proposto un’attività in linea con il progetto di plesso “Emozioniamoci con l’Arte” partendo da un dettato grafico.

L’arte del dettato grafico accresce la capacità d’attenzione, la creatività e la memoria, servono a verificare la comprensione e la conoscenza di alcuni concetti:

Logico-matematici (quantità, numero, grandezza, colore, forma)

Spaziali (sopra-sotto, dentro-fuori, davanti-dietro)

L’attivita è stata proposta con un grado di difficoltà differenziato in base alla fascia d’età.

Dettato Grafico In ARTE

LA PRIMAVERA DELLA SEZIONE B.

Attività della tirocinante Silvia Diana

ATTIVITÀ TIROCINANTE SILVIA DIANA.

La tirocinante Silvia Diana ha proposto un’attività che si inserisce nella progettazione della sezione e di plesso, proponendo ai bambini la realizzazione dell’ambiente naturale per l’ape che nei giorni precedenti hanno realizzato insieme alle maestre: 

  • Un fiore con rotolo di carta igienica dipinto di verde a rappresentare il gambo del fiore
  • Un albero il cui tronco e rami sono le mani dei bambini e con tanti fiori a forma di piccoli cerchi, richiamando una delle opere del famoso illustratore francese Hervé Tullet che guida la loro progettazione di plesso sulle emozioni nell’arte.

La nostra ape, grazie anche all’importante collaborazione dei genitori che hanno permesso la realizzazione di tutto ciò e alle insegnanti della sezione che hanno partecipato attivamente alla progettazione, ora ha un ambiente naturale dove volare, un fiore da cui prendere il nettare e un albero su cui posarsi come ricorda anche la canzone di sottofondo al video, la sigla del cartone animato “Ape Maia”.

FILASTROCCA DELLA SETTIMANA📕

Ogni giorno a scuola sono FONDAMENTALI i momenti di ROUTINE.

Uno di questi è il momento del calendario.

Calandra, Icona, Pittogramma, Web, Black, Numero

Per comprendere il passare dei giorni, delle settimane, dei mesi.

In particolare, per memorizzare i giorni della settimana, noi usiamo una filastrocca che parla dei nostri animaletti simboli.

Le foche che rappresentano il gruppo dei bambini di 3 anni, i cavallucci i bambini di 4 anni e i polipi i bambini di 5 anni.

☁🌞⛈🌤🌦🌩🌈❄⚡☔☁🌞⛈🌤🌦🌩🌈❄⚡☔☁🌞⛈🌤🌦🌩🌈❄⚡☔

Se cliccate qui sotto la potrete leggere insieme ai vostri genitori. 👀🌈

Filastrocca della settimana pdf